sabato 17 aprile 2010

Breve vademecum per conquistare una donna


Cosa fa fremere una donna? Come fare in modo che lei rivolga l'attenzione verso di voi? Queste sono le domande che il sesso maschile si pone costantemente.
Non è facile capirlo, ma io penso che alcuni uomini si impegnino davvero poco nello scoprire cosa attrae una donna.
Non vi dirò direttamente cosa fare, ma quali sono gli errori da evitare.
Non mostratevi arroganti e non comportatevi da" uomo che non deve chiedere mai."
Nulla attrae le donne in in uomo più della dolcezza. Infatti le donne ricordano anche nel tempo un uomo dolce e divertente.
E' anche vero che esiste una categoria di donne che apprezza l'uomo bastardo, ma solo per un tempo limitatissimo e non prima di averle conquistate.
La donna si vuole divertire con l'uomo e non solo in un senso.
Il sesso non è solo questione di genitali , ma è anche una questione di feeling mentale. Se riuscirete a stabilire un connubio tra mente e corpo avete già in mano la situazione.
Non siate particolarmente " sparagnini" con lei.
Invitatela a cena in un bel ristorante, ma non pensate che solo perchè le avete offerto una cena lei sia disposta a soddisfarvi e che la sua fica fremi dalla voglia di essere penetrata perchè le avete concesso il vostro prezioso tempo o perchè avete" un'arma letale" lunga 24 cm.
Siete sulla strada sbagliata.
Una "vera donna" giocherà le sue carte per bene.
Vi farà impazzire con la sua sensualità, ma rinvierà il fatidico momento in un altro incontro, quando avrà capito cosa siete disposti a fare per conquistarla, a meno che non ci sia uno scambio pattuito precedentemente tra un dare ed un avere.
Si farà desiderare e questa attesa aumenterà in voi il desiderio di possederla.
Non chiedetele la sua età al primo incontro specie se ha superato gli " anta".
In genere non è mai elegante chiedere l'età ad una donna , ma in quei casi è assolutamente rischioso. Potrebbe prenderla non bene. Se fremete dalla curiosità aspettate almeno il secondo incontro.
Evitate dopo il primo incontro di aspettare giorni prima di telefonarle. Rischiererete questa domanda da parte di lei: " Chi sei? Scusami, ma non ricordo", domanda che abbatterà inesorabilmente in pochi secondi la vostra autostima e vi farà sprofondare in una sensazione di inadeguatezza ed insicurezza
Continua

1 commento:

  1. Decisamente carina come idea, quella delle guide.
    In questo caso, tuttavia, porrei anche attenzione al fattore "zerbino".

    W.

    RispondiElimina