giovedì 31 dicembre 2009

Giochi proibiti


Continua....

Mi sentivo molto entusiasta quel giorno. C'era anche un rischio seppur minimo di essere scoperti in quanto i genitori avevano le chiavi e se fossero rientrati all'improvviso sarebbe stato un problema per me. Mi piace rischiare nella vita e decisi che nulla avrebbe potuto fermarci. Non quel pomeriggio. Il ragazzino non era esperto, comprensibile la cosa visto che era la sua " prima volta". Mi sentii lusingata dal fatto che avesse pensato a me come alla donna che poteva avviarlo alle pratiche del sesso. Mi sentivo gratificata dal fatto che avesse scelto me per provare un tale piacere. Lo guardai molto intensamente,mi tolsi la gonna e la camicetta, poi incominciai a spogliarlo molto lentamente. Passai le mie mani sul suo corpo. Aveva una pelle molto delicata, era glabro, chiaro di carnagione ed aveva ancora molto di infantile. D'altronde era poco più di un bambino. Feci scorrere le mie mani attraverso gli angoli più nascosti del suo corpo. Incominciai a baciarlo intensamente e passai la mia lingua dappertutto. Mi piaceva dominarlo. Sentivo la sua passione aumentare, il suo ansimare sempre più forte. Le sue mani inesperte che esploravano il mio corpo in cerca di nuove e forti sensazioni erano fonte di entusismo ed eccitazione per me. La nostra voglia era insaziabile. Lui era incredibilmente erotico nei suoi modi impacciati ed inesperti, nel buffo tentativo di darsi un tono da uomo vissuto. Non pensavo al giorno dopo , quando lo avrei rivisto in classe .. Pensavo soltanto a vivere e godere quel momento di intenso piacere... continua

lunedì 28 dicembre 2009

Un pomeriggio di sesso con il mio toy boy




Non vedevo l'ora di incontrarlo. La mia eccitazione era incontrollabile. Mi attirava quella sua inesperienza, quel suo candore di ragazzino che si dava un tono, il suo voler dimostrare a tutti i costi che era un uomo. Mi voleva intensamente ed io volevo lui. Il ragazzino quando si presentò all'appuntamento era molto seducente. Dimostrava più dei suoi tredici anni. Inizialmente era un pò imbarazzato. Poi si sciolse tantissimo. Per far sì che si sciogliesse lo aiutai un pò e presi l'iniziativa. Appena entrammo in casa, mi avvicinai e lo baciai intensamente. Il mio bacio era molto sensuale e voglioso, tradiva tutta la mia eccitazione e voglia di lui.
Lui rispose al mio bacio con altrettanta passione ed iniziò a toccarmi e a togliermi i vestiti lentamente. Mi disse: " Ho voglia di te, prof, da tanto". Sono una donna a cui piace dominare gli uomini in alcuni momenti ed in altri anche essere dominata. In quel momento volevo dominare. Lui era a mia disposizione, voglioso, preda della passione più totale e con tanta voglia di sperimentare cose nuove, anche se dentro di sè c'era la paura della sua "prima volta" con una donna. Compresi però che dominarlo immediatamente avrebbe potuto suscitare in lui qualche paura latente, quindi cercai di controllare un pò i miei istinti e di non essere troppo aggressiva con lui, almeno inizialmente. Lo lasciai fare all'inizio per metterlo completamente a suo agio.. Le mie fantasie erotiche più inconfessabili si stavano concretizzando in quell'incontro. Ero senza limiti in quel momento. Volevo giocare fino in fondo con lui. Senza limiti e tantomeno stupidi tabù. Continua......

domenica 27 dicembre 2009

Il mio dolcissimo e sexy toy boy tredicenne


Il mio studentello, carino da impazzire, si fece coraggio e mi venne vicino un giorno, subito dopo la lezione. Era un ragazzino viziato, di buona famiglia, molto coccolato in casa e che aveva sempre voglia di ottenere tutto dalla vita senza lottare troppo. Mi si avvicinò e mi chiese il mio numero di cellulare. Io lo diedi a lui senza farmi troppe domande. Il giorno seguente mi arriva un suo sms molto esplicito:
"Ciao Prof. Sei troppo bella, non avevo il coraggio di dirtelo. Ho voglia di stare con te."
Era bello,alto, dimostrava più dei suoi 13 anni ed era molto sensuale. Probabilmente non credeva che io gli avrei risposto. Ma io gli risposi. Non era mio mio figlio ed io non ero tantomeno sua madre, anche se la differenza di età che intercorreva fra noi poteva lasciar evidenziare questo. Mi piaceva fisicamente. Mi attirava sessualmente ed io piacevo a lui. Perchè avrei dovuto non "godere" della sua compagnia? Poteva diventare il mio toy boy con cui poter giocare quando ne avevo voglia. Ero molto eccitata anche io. Ci demmo appuntamento un pomeriggio nella sua casa di campagna. C'era un pò di rischio in quanto avrebbero potuto venire i genitori essendo la sua casa, ma lui mi assicurò che quel pomeriggio i suoi erano fuori sede e che nessuno ci avrebbe disturbato. Il ragazzino era inesperto, anche se si dava arie da uomo vissuto. Mi confessò in seguito al telefono , forse per la paura di non essere all'altezza, che non aveva mai avuto rapporti sessuali con una donna e che le ragazzine della sua età non gli interessavano.Non aveva mai avuto rapporti sessuali prima di allora, neanche con ragazzine della sua età. Era ancora come si dice " illibato" per usare una terminologia un pò retrò. Mi confessò che preferiva le donne mature. Più sicure, più affascinanti, più determinate. Ed io ero tutto questo. Il giorno dopo mi presentai al suo appuntamento con una mini gonna sexy , tacchi alti, calze nere di pizzo con reggicalze dello stesso colore e camicetta bianca trasparente. Quello che successe quel pomeriggio molto bollente nella sua casa di compagna ve lo racconterò nei prossimi giorni. Non perdete il prossimo post. Buone feste!

giovedì 24 dicembre 2009

I miei studenti


I ragazzi di 13 anni oggi sono particolarmente vivaci e svegli. A loro piace fare sesso con le donne più grandi perchè si sentono importanti, si sentono più grandi e questo li trasporta in una dimensione particolare di piccola trasgressione. Ho ricevuto molte proposte sessuali da ragazzini di quell'età. Mi inviavano bigliettini, mi fischiavano in strada dopo le ore di lezione per farsi notare. E' difficile non lasciarsi trasportare da queste tentazioni. Sono carini, inesperti, a volte anche innocenti in alcuni momenti e perversi in altri. Alcuni dimostrano più della loro età e non è difficile perdersi in questo mare di turbamenti e dimenticare la differenza di età che intercorre. Del resto l'età è solo un fatto anagrafico , non conta. Conta quello che abbiamo dentro, ciò che proviamo, ciò che ci piace fare. Il resto sono solo sciocchi conformismi da non prendere seriamente. Alcuni miei studenti sono molto carini. Alti, sportivi, sfrontati quel tanto che basta. Uno mi piaceva molto. Sguardo da uomo vissuto, occhi chiari, sportivo, alto. Somigliava vagamente a Zac Efron. Fortunata no? Era molto intrigante e sensuale. Dimostrava più dei suoi 13 anni. Mi guardava sempre molto, anche se non studiava tantissimo. I suoi sguardi erano molto espliciti, ma per un pò di tempo non ebbe il coraggio di parlarmi di altro che non fossero argomenti scolastici. Mi sono sempre piaciuti i toy boys. E morivo dalla voglia di averne uno. Poi un giorno.....
"Posso resistere a tutto tranne che alla tentazione".
Di questo però ne parlerò più dettagliatamente nei prossimi giorni. Buon Natale a tutti!

mercoledì 23 dicembre 2009

Donne alla riscossa


Mi piacciono le persone, uomini o donne che siano, particolarmente generose. Io intendo concretamente. Coloro che fanno regali, che gratificano, che ti fanno sentire unica. Nei miei incontri ravvicinati ho avuto modo di incontrare anche uomini e non solo uomini particolarmente generosi. Sono una etero, ma non disdegno i rapporti bisex. LO faccio solo con donne agiate economicamente, che sanno gratificarti. Non sono venale, ma il gusto dei soldi mi diverte e mi eccita. Ho avuto una esperienza lesbo da ragazzina con una cugina e da allora mi sono divertita anche con donne. Ritengo il rapporto solo affettivo non sufficiente ai miei bisogni . Ho bisogno di gratifiche. Tutto ha un prezzo nella vita, è uno scambio continuo. Vi racconterò nei prossimi giorni un episodio particolarmente curioso avvenuto con una donna.

Tormentare è il mio motto

Le donne per bene annoiano, le donne malvagie e sexy tormentano. Meglio il tormento continuo nella vita che la noia totale. Non pensate?
Come definire una donna malvagia? Quel tipo di donna di cui un uomo non si stanca mai. O. Wilde.

martedì 22 dicembre 2009

Tipologia di uomini:istruzioni per l'uso


Nella mia vita mi è capitato e mi capita di incontrare frequentemente vari tipi di uomini.
Una prima tipologia è il bello ed impossibile. Di solito è un palestrato, cioè frequenta assiduamente la palestra. Lo riconosci subito. Si specchia in ogni vetrina di negozio disponibile, indossa sempre un paio di occhiali da sole per diventare " tipo", si guarda intorno con fare sempre soddisfatto alla ricerca
di nuove prede. Il problema di questi uomini è il pensare che le donne siano ochette da conquistare e che non siano dotate della benchè minima intelligenza. Sono poi sempre pienamente soddisfatti del loro pene.
Il pene per loro è fondamentale, una certezza assoluta. Avendo poco cervello in genere si affidano a questo strumento per conquistare e lo mettono in mostra in situazioni in cui invece occorrebbe altro. Ieri mi è capitato di avere un " incontro ravvicinato"con questo tipo di uomo. Eravamo in auto e ci siamo abbandonati ad effusioni. Il tipo era generoso, cosa positiva almeno in lui. Mentre ci abbandonavamo a baci e carezze iniziali il tipo si è tirato giù i boxer e mi ha mostrato soddisfatto il suo membro. MI ha fatto vedere il tutto e poi ha commentato ironicamente."Hai visto come è grande? E' di una misura extralarge. Mica ti dà fastidio? "Una domanda del genere oltre che cretina la definirei da tipo senza un minimo di cervello e per me il cervello ha la sua importanza. Feci finta di ridere, ma poigli risposi: Bello, di misure così le vedo ogni giorno . Non mi faccio mica impressionare da così poco". Risposta che smonta inesorabilmente il tipo , ma alcune volte è necessario farlo.
Una seconda tipologia di uomo è il bruttino, finto romantico. Essendo non molto carino si affida in genere alla simpatia ed al romanticismo per conquistare le donne che altrimenti non lo vedrebbero. Questi sono i tipi più subdoli perchè non sono affatto romantici e si mostrano tali per conquistare una donna e magari farsi solo una semplice scopata. In genere sono anche economicamente instabili. Mi è capitato anche questo tipo. Non mi telefonava quasi mai. Mi inviava sempre messaggini . Conversava in questo modo. Sarà anche piacevole la cosa in primo momento, ma poichè non era propriamente un teen ager escludo l'eventualità che lo facesse per carineria. A mio parere era un pò tirchio e questa cosa , se in un bello ed impossibile, potrebbe essere una cosa alquanto trascurabile, poichè supportato da altre qualità, nella tipologia del bruttino è una cosa che irrita e non poco. la sua finta romanticheria la scopri nel momento in cui si arrabbia. Di solito , come anche il bello ed impossibile , è anche lui un pò bugiardino e quando si accorge di essere scoperto si arrabbia e sviscera tutta la sua rabbia sulla donna. Per poi pentirsi,ma mai chiedere scusa.
Un'altra tipologia da evitare è il tirchio insano. Non paga mai il conto al ristorante e se lo paga , poi ti rinfaccia il tutto per giorni e giorni, se non lo accontenti. Non ti dà nulla se non gliela dai prima tu e poi forse lui sgancerà qualcosa. Forse.
Un' altra tipologia di uomo è il finto interessato. Si interessa a te per un unico scopo: svuotare unicamente i suoi testicoli. Finge di ascoltarti, di consigliarti, ti fa complimenti fino alla nausea, ti promette cose che in genere poi non mantiene e così via. Ti darebbe tutto tranne farti un regalo o prestarti soldi.
Una tipologia rara è il vero romantico. Quelli si contano sulle dita ed è una razza in estinzione, se non già estinta. Non ne ho mai incontrati personalmente.
Un altro che eviteresti volentieri è lo sconsolato ed addolorato. Si finge addolorato da un evento triste, tipo la ragazza che lo ha mollato o la moglie che si è stancata di lui e ti annoia mortalmente parlandoti della sua ex. Mi è capitato anche questo. Il suo discorso verte esclusivamente su quell'evento e ti chiede consigli. Con lui ti sembra di essere al sicuro ed abbassi le tue difese. invece, poi quando meno te l'aspetti, lui ti guarda come una preda da conquistare e ti chiede un appuntamento. Non illudetevi vi userà e vi getterà subito dopo, ma sarà soddisfatto di ripetere ciò di cui è stato vittima. e con ogni donna che incontrerà ripeterà fino alla nausea questo copione. IL resto continua nel prossimo post..... Seguitemi.

IL Paradiso lo preferisco per il clima, l'Inferno per la compagnia

lunedì 21 dicembre 2009

La trasgressione


La trasgressione è uno stato d'animo.
E' dentro di te, ti penetra dentro quando ne hai voglia, ne senti l'esigenza e ti abbandoni.
Trasgredire ti fa sentire vivo . E' come un vento che ti attraversa l'animo e suscita in te una nuova voglia di vivere.